PROLOGO

Spazio inangolo
Il progetto inangolo nasce dalla passione di tre amici, Di Bernardo, Rietti e Toppeta che hanno in comune l’amore per le arti applicate e la voglia di dar vita ad una realtà dinamica, vitale e ricca di idee. In un contemporaneo oramai del tutto virtuale, dove si è perso il valore del rapporto, dello scambio e del confronto, incontrarsi realmente sembra un’opportunità per pochi e l’operosità condivisa diventa virtù di nicchia. Riteniamo che l’arte, in particolar modo quella contemporanea, abbia la necessità di trovare nuovi luoghi, al di fuori dei circuiti tradizionali, inangolo è un’idea di spazio aperto a tutti, punto di incontro per gli esperti del settore, per gli appassionati e per tutti coloro che avranno voglia di ritrovarsi in un luogo polivalente in cui la cultura, la creatività, l’espressione, le tendenze prenderanno vita e forma attraverso il fare arte. Spazio inangolo vuole ricominciare da questo punto fondamentale per poter costruire nuove e significative attività, creando una piattaforma versatile fatta di incontri e scambi culturali. Spazio inangolo è situato nello splendido edificio del ex Tribunale, oggi La Casa delle Arti e dei Mestieri, in pieno centro storico Vestino, angolo Largo San Giovanni Battista, lungo Corso Alessandrini che collega Piazza Luca da Penne con Porta San Francesco. Uno spazio piccolo ma singolare ed accogliente, un punto di incontro per gli artisti che vorranno presentare progetti monotematici attinenti alla loro ricerca creativa e che saranno esaminati e valutati da una commissione tecnica.


Planimetria






inangolo © 2020 - tutti i diritti riservati